A grande richiesta “Libri sotto i portici” torna ad animare Castel Goffredo

Il momento tanto atteso è arrivato: domenica 4 luglio torna “Libri sotto i portici“, il mercatino del libro usato che, da quasi un anno, non si svolge nella piazza e sotto i grandi portici del comune castellano. Un’attesa lunga, dettata dall’emergenza, e che, in più, ha pagato lo scotto del mese di giugno. Mentre, infatti, nella vicina provincia di Verona (a Valeggio sul Mincio) il primo fine settimana di giugno l’autorizzazione al mercato di libri è stata data, a Castel Goffredo la Prefettura aveva negato la possibilità per via dei numeri del contagio non ancora del tutto chiari.

Ora è tutto pronto per la ripartenza e dalle 8 di domenica mattina, per tutta la giornata, il mercatino torna in piazza Mazzini e nelle vie limitrofe alla piazza. Una bella occasione, dunque, per far scorta di libri e per veder tornare gli espositori, alcuni che arrivano anche da altre regioni, che, in questi mesi, non hanno mai mancato di far sentire l’affetto ai castellani e, in alcuni casi, hanno anche aiutato le associazioni del paese. Un ritorno in piazza con la tradizionale formula e, allo stesso tempo, con l’apertura del Mast e la possibilità di vedere anche la nuova sezione archeologica, aperta da alcune settimane. Sempre i libri, poi sono protagonisti dallo scorso mercoledì 30 giugno in paese.

Dopo la prima serata dedicata a Dante svoltasi in piazza Mazzini, si prosegue per tutti i mercoledì del mese di luglio. Il 7 luglio, sempre alle 21, Lisa Tabai, Alfio Milazzo e Massimo Telò parleranno del volume “Appunti d’arte” dedicato agli affreschi di palazzo Acerbi. Il 14 luglio si prosegue, sempre alle 21, con Robe de ‘Na Olto, una serata dedicata ai proverbi e ai modi di dire del passato. Mercoledì 21 luglio, invece, Simonetta Bitasi presenta la scrittrice italiana, ma di origine cingalese, Nadeesha Uyangoda che parla del volume “L’unica persona nera nella stanza“. Si chiude mercoledì 28 luglio alle 21 con Antonio Meola che, con Mariano Vignoli, presenta il volume “La fine della notte“. Tutti gli incontri sono gratuiti e non serve prenotarsi.

Luca Cremonesi