Il nuovo Polo Vaccinale di Castel Goffredo per guardare oltre… il covid

Lunedì 12 aprile apre a Castel Goffredo il nuovo Polo Vaccinale, fortemente voluto dall’Amministrazione Comunale, realizzato in collaborazione con l’ASST di Mantova e l’azienda ASPA.

La struttura è insediata nel nuovissimo Palazzetto dello Sport, non ancora aperto al pubblico dopo l’imponente ristrutturazione seguita al crollo del tetto di alcuni anni fa. Il Palazzetto è stato riadattato, ma anche completato con tutti gli arredi e le strutture necessarie a garantire un servizio efficiente e funzionale. La mole di lavoro è stata ingente; la realizzazione di quest’opera, essendo al di fuori di una struttura ospedaliera, ha reso necessarie nuove idee, parecchi sopralluoghi, verifiche, incontri.

L’Ufficio Tecnico dell’Amministrazione Comunale ha lavorato incessantemente per realizzare tutto a tempo di record; la parte contrattuale e di coordinamento è stata realizzata da ASPA; l’ASST ha revisionato e controllato scrupolosamente il tutto e dato il proprio benestare, garantendo la fornitura dei vaccini. Il progetto, tuttavia, non sarebbe potuto decollare se Castel Goffredo non avesse una tradizione di volontariato che da sempre è il vanto del nostro territorio. All’appello del sindaco e degli assessori hanno prontamente risposto medici e infermieri, ma anche la Protezione Civile, l’associazione Carabinieri in Congedo, gli Alpini, la Croce Rossa ed oltre 80 persone per la parte amministrativa, fra cui moltissimi giovani. I cittadini che non sono in grado di prenotare la vaccinazione in autonomia, possono recarsi presso le sedi di El Castel, Acli e Avis, che si sono messe a disposizione per questo tipo di servizio.

Gli oltre 150 volontari saranno a disposizione dei nostri concittadini, ma anche di tutto il bacino del territorio asolano (Casaloldo, Casalmoro, Asola, Canneto, Casalromano, Piubega, Redondesco, Mariana, Gazoldo, Ceresara, Acquanegra e naturalmente Castel Goffredo), così che la campagna vaccinale possa accelerare. Le linee operative in questa settimana sono solo 4, ma in previsione c’è un notevole ampliamento del servizio che dipenderà anche dalla quantità di vaccini forniti giornalmente. Attualmente presso il Polo Vaccinale di Castel Goffredo non sarà possibile gestire i casi di persone con problematiche sanitarie; per questo rimane la collaborazione con il Polo di Asola, che sarà dedicato soprattutto a queste categorie.

Prima dell’apertura al pubblico, il nostro parroco don Giuseppe Bergamaschi si è recato presso il Palazzetto dello Sport per benedire la struttura e le persone che, con tanta dedizione e impegno, si sono messe a servizio della comunità.