“Camminiamo da discepoli del Signore” con gli Esercizi spirituali

Nel bel mezzo del cammino quaresimale in cui siamo chiamati a rivedere la nostra vita cristiana, a renderla più bella, a farla risplendere sempre meglio della sagoma di Cristo (vedi la trasfigurazione!), si colloca l’invito a vivere una settimana di esercizi spirituali, dal 25 al 29 marzo (ritrasmessi da Radio Alfa da lunedì 1 aprile alle 21.00), accompagnati da un padre gesuita di lunga esperienza nella guida spirituale dei fedeli: p. Cesare Bosatra, da Gallarate, per il terzo anno qui da noi.

Compagno per vocazione del Card. Carlo Maria Martini, p. Cesare era stato chiamato dallo stesso a guidare la Scuola della Parola per i giovani in Duomo a Milano quando il cardinale non poteva essere presente. Ha diretto per circa 20 anni una Casa Ignaziana a Varese (Villa Mater Dei) dedicata solo agli esercizi spirituali per tutti, anche laici e famiglie, non solo religiosi o sacerdoti, secondo la ecclesiologia del Concilio Vaticano II, e puntando sempre e solo sulla meditazione della Parola di Dio, servita a piene mani a chiunque la cercasse, anche individualmente, in un clima di silenzio contemplativo garantito ogni giorno nella casa di Varese. Poi ha accolto il Card. Martini nella casa di Gallarate, di ritorno da Gerusalemme, accompagnandolo nella sua malattia e custodendo le sue meditazioni bibliche fino alla sua morte. Ultimamente si dedica solo al ministero degli Esercizi Spirituali secondo il metodo ignaziano, non solo in Italia, ma anche all’estero, come Romania, Francia, Palestina, India.

La prossima settimana avremo la grazia di poter metterci abbondantemente in ascolto della Parola di Dio, sorgente di vita nuova, secondo due orari che ogni ognuno può scegliere in base ai suoi impegni: tuttele mattine alle 9,30 in oratorio, dopo la S. Messa celebrata in S. Erasmo alle 9, oppure alla sera alle 21 sempre in oratorio.

La meditazione durerà circa un’ora; seguirà poi un momento di silenzio che si concluderà con la preghiera. Un’occasione da non perdere: Dio ci parla! Non possiamo non ascoltare. Lui farà in noi.