Apre a Castel Goffredo la Torre di Castelvecchio – Museo Corrado Bocchi

Dopo un lungo iter progettuale e di riqualificazione funzionale, sabato 2 ottobre alle ore 15.00 aprirà finalmente al pubblico l’antica Torre Civica di Castel Goffredo (nella foto il logo), uno dei monumenti più antichi del territorio castellano.

Il complesso intervento rientra nel progetto “Castel Goffredo in rete: un percorso museale alla scoperta dei tesori e delle architetture che caratterizzano la sua piazza rinascimentale”, presentato nel 2017 dall’associazione onlus Gruppo San Luca e cofinanziato da Fondazione Cariplo nel 2019 per un costo complessivo di 464.000 euro.

In accordo con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Cremona, Lodi e Mantova, lo spazio a piano terra, prima passaggio pedonale che congiungeva via Manzoni con piazza Mazzini, opportunamente chiuso da vetrate, ospiterà l’Ufficio IAT nonché l’ufficio turistico della rete “Terre dell’Alto Mantovano”, precedentemente aperto sotto i portici di via Roma. L’ambiente accoglierà la biglietteria del nuovo museo castellano che si affiancherà al MAST, entrambi fortemente sognati, voluti e realizzati da Corrado Bocchi, mancato nel marzo 2020, in sinergia con il Gruppo San Luca.

Il progetto di adeguamento della torre ha previsto l’allestimento di un percorso museale che su 7 piani racconterà la storia delle mura, delle porte, del fossato e del rivellino appartenenti alle due cinte difensive di Castel Goffredo, fino alla terrazza dell’ultimo piano (Belvedere), accessibile al pubblico per la prima volta, dalla quale godere di una vista inedita sulle Terre dell’Alto Mantovano e dove, soprattutto i più piccoli, potranno approcciarsi in modo divertente al tema della geografia e dello spazio.

In linea con il museo MAST, contenitore di storia e storie narrate anche con strumenti multimediali, anche il percorso museale della torre sarà fruibile attraverso 3 video digitali 3D, in fase di ultimazione, realizzati dal grafico Guido Bazzotti sulla base dei minuziosi disegni a china di Guglielmo Calciolari, elaborati sulla base del materiale iconografico e documentario scrupolosamente raccolto e vagliato dal Gruppo San Luca con la collaborazione del giornalista e storico Mariano Vignoli e di Marco Casella.

La Torre Civica si appresta a diventare una componente importante dell’offerta turistica e culturale di Castel Goffredo, integrandosi perfettamente con il patrimonio storico, artistico e culturale che gravita sulla bella piazza rinascimentale, alla quale presto si affiancherà.

Grazie alla convenzione che prevede la concessione della gestione della torre per 25 anni al Gruppo San Luca da parte del Comune, i residenti di Castel Goffredo potranno accedervi gratuitamente il giorno dell’inaugurazione, e, dal 2022, l’ultimo sabato prima delle vacanze pasquali previste dal calendario scolastico, il 2 giugno e il 18 ottobre e il primo sabato dell’apertura dell’anno scolastico.

Per informazioni e prenotazioni è possibile rivolgersi al Bookshop del MAST allo 0376/771006, oppure scrivendo a info@mastcastelgoffredo.it.

Barbara D’Attoma – Direttrice del Museo MAST